Il RAW Sicily farmers: la cantina Fausta Mansio

With
Commenti disabilitati su Il RAW Sicily farmers: la cantina Fausta Mansio

Il RAW Sicily farmers ci porta nella Val d’Anapo, dove ha sede la cantina Fausta Mansio, selezionata per la cena del 20 Dicembre di ENJOY! Open Kitchen! Ad accoglierci è Olaf Consiglio e la sua compagna, giovanissima coppia, alla guida di questa innovativa azienda agricola.

Olaf, passeggiando tra i campi della cantina, ci racconta che ad avviare l’azienda è stato il padre nel 1995: 14 ettari, 3 di ulivi e 11 di vigneti tutto coltivato in biologico. Il padre è un appassionato del vino, uno dei primi ad avere il desiderio di rivalutare il Moscato di Siracusa, un vigneto ad alberello.

Nasce così il Micol un moscato secco, dal profumo di fresia, zagara, fiori d’arancio e gelsomino e dal sapore di melone bianco, mela e pesca gialla; a seguire nascono il Moscato dolce e il Passito.

Nel vigneto a spalliera, nasce un’altra eccellenza della loro cantina: il Pettirosso, un Nero d’Avola in purezza, fruttato di sottobosco con sentori di ciliegia, note di viola e un leggero profumo di liquirizia e chiodi di garofano, con tannini morbidi ed equilibrati. 

A spalliera vi è anche una parte di vigneto coltivata a grillo, da dove nasce l’Apollo, con profumi di susina gialla, pera, pesca, gelsi bianchi. Ultima chicca della Cantina Fausta Mansio, da un idea di Olaf, è la birra artigianale con il 10% di mosto d’uva. Un vera novità, creata in collaborazione con un amico del birrificio siracusano Malarazza.

I progetti futuri di Olaf per l’azienda sono numerosi, tutti in via di sviluppo, come l’imbottigliamento dell’olio, l’accoglienza turistica con degustazioni in cantina. Passione, ambizione e voglia di mettersi in gioco sono nelle corde di Olaf che, negli ultimi anni ha preso in mano, l’azienda con dedizione allargando gli orizzonti sul campo vitivinicolo anno dopo anno.

La nostra visita finisce con un’invito a pranzo, qui scopriamo che i ragazzi oltre ad essere dei cultori del vino sono anche ottimi cuochi. Ci propongono un bel risotto, ovviamente sfumato e accompagnato dal vino Fausta Mansio.

 

 

GUARDA IL MENU’ DELLA CENA DI GIORNO 20 DICEMBRE